Come prendere la decisione giusta in ogni circostanza

Come prendere la decisione giusta in ogni circostanza

Per arrivare a capire quali tecniche usare per prendere le decisioni migliori nella propria quotidianità, dobbiamo prima di tutto considerare il ruolo che le informazioni rivestono quando vogliamo o dobbiamo operare delle scelte. Se proviamo a ragionare al momento in cui ci troviamo di fronte ad un bivio e dobbiamo necessariamente scegliere tra due o più opzioni, arriviamo alla conclusione che prima di operare una scelta facciamo una raccolta di informazioni.

Le informazioni possono essere raccolte da diverse fonti e queste ultime possono cambiare sulla base della tipologia di scelta che dobbiamo operare.  Consideriamo per esempio un tipico processo di acquisto programmato: quando ci rendiamo conto dell’esigenza di acquistare un prodotto / servizio, soprattutto se particolarmente costoso, ecco che prima di effettuare l’acquisto finale cercheremo quante più informazioni possibili e per farlo andremo a consultare almeno una delle seguenti fonti:

  • Blog / sito aziendale: all’interno di queste pagine è possibile trovare informazioni e descrizioni di prodotti o servizi che possono risultare più o meno convincenti agli occhi di chi deve scegliere e si troverà ad operare dei confronti con altri prodotti o servizi.
  • Communities online e pareri di persone conosciute: ci riferiamo a queste fonti come dei fenomeni di passaparola che si basano moltissimo sulla fiducia che le persone nutrono nei confronti di persone che conoscono o di altri utenti del web che, in quanto consumatori, hanno già provato il prodotto o servizio e decidono di lasciare una proprio recensione al riguardo per aiutare gli altri a prendere una decisione di acquisto.

Una volta raccolte tutte le informazioni tipicamente le elaboriamo e le colleghiamo le une alle altre per avere un quadro completo ed esaustivo delle nostre possibilità e del contesto nel suo insieme; Infine prendiamo una decisione ponderata.

Ovviamente questa tipologia di processo per la presa di decisione, si applica soltanto a quelle scelte che compiamo razionalmente, non è cioè riferibile a tutte quelle situazioni in cui agiamo mossi unicamente dal nostro sentimento e dalle emozioni del momento. L’uomo è infatti un essere razionale che agisce tuttavia molto spesso all’esterno dei confini della razionalità . Possiamo escludere l’utilizzo di un processo razionale come quello sopra delineato quando, per esempio, ci troviamo al supermercato con una lista della spesa ma  decidiamo di acquistare qualcosa che attira la nostra attenzione inaspettatamente, nonostante non fosse elencata e prevista all’interno del nostro insieme di prodotti indicati nella lista.

Indipendentemente dal processo decisionale che consideriamo, di quante più informazioni disponiamo e tanto più accuratamente saremo posti nella condizione di operare dei confronti e fare la scelta migliore. Ovviamente è impossibile che una persona entri in possesso di tutte le informazioni possibili su un determinato tema e pertanto la nostra scelta finale può essere considerata più che altro come un punto in cui ci fermiamo, decidiamo cioè di aver ottenuto un numero sufficiente di informazioni, e scegliamo l’opzione che ci sembri soddisfare al meglio le nostre aspettative e bisogni.

 

Per quale motivo alcune decisioni ci sembrano facili e altre difficili?

Alcune decisioni da compiere le consideriamo molto più complesse da affrontare rispetto ad altre. Questo accade perché con tutta probabilità le informazioni di cui avremmo bisogno per prendere una decisione, sono inferiori rispetto a quelle di cui disponiamo realmente. Si parla in questo caso di un gap informativo che rende più difficile per ogni persona capire quale sia oggettivamente la scelta migliore da effettuare. La soluzione a questo problema è cercare di aumentare il numero di informazioni di cui disponiamo per ridurre il più possibile il gap informativo e, dunque,  la distanza rispetto al numero di informazioni di cui necessitiamo per prendere una decisione.

 

4  consigli per prendere sempre la decisione giusta

Quando non sappiamo cosa scegliere tra diverse opzioni, spesso finiamo per adottare una tra due linee di azione contrapposte: scegliamo di non agire, ci paralizziamo cioè di fronte alla scelta e decidiamo che il modo più semplice per superare quel momento di tensione sia semplicemente accantonare il problema con l’intenzione di riprendere in mano la decisione in un secondo momento; oppure prendiamo una decisione azzardata, scegliamo cioè un’opzione del tutto casuale che ancora una volta ci porta momentaneamente al superamento dell’incertezza e al classico sospiro di sollievo.  Il problema di scelte di questo tipo è che, indipendentemente dalla scelta che si compie, quella decisione ricadrà sotto la nostra responsabilità, dalla quale non si può prescindere.

Dunque, a prescindere dal settore in cui ci troviamo a dover operare la scelta e dalla complessità con cui una scelta si presenta ai nostri occhi, possiamo seguire alcuni accorgimenti che ci guideranno verso la miglior scelta possibile.

  • Gestire le emozioni: come abbiamo visto nell’esempio dell’acquisto impulsivo, le emozioni giocano sempre un ruolo molto forte quando dobbiamo compiere una scelta. Riuscire a gestirle è fondamentale se si punta ad ottenere il miglior risultato possibile. Dunque saper mantenere la calma è un prerequisito indispensabile e qualsiasi decisione andrebbe rimandata se non ci sentiamo sufficientemente tranquilli.
  • Elencare le opzioni: quando senti di avere i pensieri particolarmente confusi, un trucco che può aiutare a fare un punto della situazione è quello di scrivere tutte le opzioni/ informazioni che si sono raccolte fino a questo momento per avere un quadro chiaro che ci permetta di effettuare dei ragionamenti e di confrontare le opzioni. Scrivendo le opzioni ci si potrebbe accorgere inoltre che alcune di queste non siano in realtà così interessanti e quindi si potrebbero escludere.
  • Utilizzare un foglio di calcolo: su Excel oppure su carta. Questo ti può aiutare a valutare i costi e i benefici legati ad una presa di decisione. Questa soluzione è molto utile soprattutto quando si percepisce che il problema è particolarmente complesso e quindi gli esiti di ogni possibile decisione possono essere molteplici e imprevedibili.
  • Pensare alle conseguenze: dopo aver preso una determinata decisione, come ci sentiremo? A questo punto pensare ai sentimenti e alle emozioni che saranno coinvolte alla fine dell’intero processo può essere di aiuto per capire quali siano i reali sentimenti che nutriamo nei confronti di una decisione importante e capire come ci sentiremmo nel caso in cui non effettuassimo quella scelta.